Con Davide Sisto si precipita nel futuro. Utopia o distopia? Difficile valutare. Ad ogni modo, è sicuramente affascinante il viaggio  proposto dall’autore, che riflette sul destino del nostro patrimonio virtuale post mortem.